Costiera amalfitana: un autunno da amare

Dalna Gualtieri

In Articoli Posted

Un giorno d’autunno in Costiera amalfitana

Stagione dopo stagione, la flora e la fauna mediterranee hanno scolpito la costa di Amalfi e dei comuni di Maiori, Minori, Ravello, Cetara, Positano… Il Tirreno, onda dopo onda, delinea le spiagge, le rocce e le fa sembrare puntelli della maestosità delle acque.

Zampilla come non mai in queste calde serate d’autunno. Il mar Tirreno bagna e trasforma la costa in una meraviglia da fotografare, intimamente e nelle ore della sera, contemplare fino al sorgere dell’aurora, magari…

costiera amalfitana terrazza sull infinito ravelloPrima tappa: Ravello

Ravello è costruita e incastonata in quel modo timido fra le curve della costiera amalfitana. Fra i vicoli, le salite, le maioliche, la raccolta e allo stesso tempo immensa bellezza della piazza, difficile perdere la strada. Arrivati a villa Cimbrone, la terrazza sull’Infinito. Avvolgiamo le macchine fotografiche intorno alle mani (non si sa mai possano cadere!) e giungiamo al punto di eterna bellezza che incantò poeti e scrittori. La meraviglia si fa gioco dell’incredulità: guardare oltre e scorgere il tempo, infinito come il mare e lo spazio che si fonde e si perde nell’azzurro del cielo…

Corriamo fra i vicoli e attraversiamo in un baleno Ravello, ci fiondiamo sulla 4 posti e via, verso Maiori, con ancora l’infinito nel cuore. I limoni qui sono grandissimi, meglio farne una scorta. Intravediamo un signore che vende proprio i grandi limoni della costiera amalfitana e decidiamo che senza dubbio li avremmo presi in un secondo momento.

Cetara, il paese dei pescatori, ci offre come souvenir le buonissime alici e la colatura, che decidiamo di portare con noi. Un paesino piccolo, tanto che non restiamo più del necessario data anche la scarsità dei parcheggi – tutti a pagamento e più o meno cari.

Amalfi e Positano

Il souvenir più bello è quello di visitare, in serata Amalfi e Positano. In costiera l’unico obbligo è quello di fermarsi ogni centimetro, ogni metro, perché in ognuno è chiuso uno scorcio, una particolare inquadra

costiera amalfitana

tura degna di essere fotografata – guardata e amata. D’altronde la scritta all’entrata d’Amalfi recita “città d’amare”. E perché non godersi una bella pizza all’imbrunire, in quel di Positano quando il Sole non è ancora del tutto calato

– che spettacolo il tramonto… Il fiorire della vita in un bocciolo che si affaccia sul mare, la bellezza di una pianta di limoni – che poi non abbiamo più comprato. La meraviglia delle pietre incastonate nei riverberi sul mare.

Il nostro soggiorno termina in un camping che si affaccia – impossibile diversamente – a strapiombo sul mare, fra i limoni e i suoni della sera, che ci accompagnano mentre la notte si affatica a terminare – anche lei non vuole lasciare questo posto. Ma è l’alba, e proseguiamo il viaggio.

©Foto by Pier Francesco Petrollini

0 Commenti

Lascia un Commento